logo progetto supertrout

Improving SUstainability and PERformance of aquaculture farming system: breeding for lactococcosis resistance in rainbow TROUT

SUPER TROUT

Migliorare la sostenibilità e le prestazioni del sistema di allevamento di acquacoltura: allevamento per la resistenza alla lattococcosi nella trota arcobaleno) è un progetto triennale, finanziato nell’ambito del programmaPRIMA (Partenariato per la Ricerca e l’Innovazione nell’Area Mediterranea). L’obiettivo di SUPERTROUT è migliorare la sostenibilità e la redditività del sistema di allevamento su piccola scala della trota arcobaleno contrastando la lattococcosi mediante applicazione di una strategia innovativa. SUPERTROUT è una RIA (Azioni per la Ricerca e l’Innovazione) che è stata approvata con il bando Sezione 2 - Multi-Topics 2019, “Farming System”.

 

BROCHURE pdf - 685.2 Kb 

 

PRESENTAZIONE PROGETTO:

PRIMA - Partnership for research and innovation in the Mediterranean Area

PRIMA - Founded projects 2019

 

Project

Title: Improving SUstainability and PERformance of aquaculture farming system: breeding for lactococcosis resistance in rainbow TROUT.
Acronimo: SUPERTROUT 

 

Programme

PRIMA (Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area)

 

Call

Sezione 2 – Multi-Topics 2019

 

Thematic area & topic

Farming System - 2.2.1 RIA small scale farming systems innovation

 

Duration

December 2020- November 2023 (months 36)

 

Funding

664.000 €

 

Partners

6 from 4 Countries

Contesto

Il prodotto d’acquacoltura rappresenta la strategia vincente per sopperire al depauperamento delle risorse ittiche naturali dovuto al crescente sviluppo della popolazione mondiale. La realtà produttiva presente nell’area del Mediterraneo è spesso caratterizzata da piccoli allevamenti ittici e le troticolture ben rappresentano questa realtà, consentendo di sfruttare efficacemente le acque di superficie e sotterranee. Italia, Turchia, Spagna e Grecia sono tra i maggiori produttori di trota iridea (Oncorhynchus mykiss). L’incremento della richiesta del prodotto di acquacoltura ha determinato una conseguente necessità di rendere i sistemi di produzione più efficienti ed al contempo sostenibili. Ciò comporta un miglioramento della gestione dei piccoli impianti e un miglioramento delle tecnologie a supporto degli stessi tra cui: sviluppo di nuovi vaccini, miglioramento degli aspetti riproduttivi e selezione di caratteri genetici legati sia agli aspetti produttivi sia alla resistenza alle malattie. SUPERTROUT è stato ideato per supportare la produttività e sostenibilità dei piccoli impianti di acquacoltura, controllando, in modo innovativo, le malattie infettive, che rappresentano una delle maggiori perdite economiche. A livello mondiale, perdite economiche significative, dal 10 al 60% della produzione totale di trota iridea, sono associate a Lactococcus garvieae. Tra I fattori abiotici predisponenti la malattia vi è la temperatura dell’acqua; la mortalità infatti è associata ad innalzamenti dell’acqua superiori ai 15 °C. Questo fattore risulta particolarmente critico per I paesi a clima temperato, che si affacciano sul Mediterraneo; qui infatti il fenomeno del surriscaldamento globale ha determinato negli ultimi anni un incremento della durata e della diffusione dei focolai di lattococcosi.

L’obiettivo generale di questo progetto è il miglioramento della sostenibilità e produttività dei piccoli impianti di acquacoltura attraverso il controllo della lattococcosi con strategie innovative:
• sfruttamento di caratteristiche genetiche intrinseche mediante applicazione della selezione assistita da marcatori;
• sviluppo di un vaccino a proteine ricombinanti da somministrare per immersione;
• miglioramento delle performance riproduttive sfruttando caratteristiche genetiche intrinseche della trota. Utilizzando questo approccio, i costi per la gestione della malattia verranno ridotti, consentendo di incrementare i profitti, mentre la sostenibilità sarà favorita dalla riduzione dell’impatto ambientale dovuto ai trattamenti antibiotici e alla riduzione del fenomeno dell’antibiotico resistenza.
Riduzione del 20% delle perdite economiche dovute alla lattococcosi e incremento del 10% delle performance riproduttive. Sample title

Descrizione dei work packages 
SUPERTROUT si svilupperà in un periodo di 36 mesi. Il progetto è organizzato in 5 workpackages (WP), due orizzontali (WP1 e WP5) e tre scientifici (WP2-3-4): 
WP1_ Gestione e Coordinamento del progetto: l’obiettivo generale è quello di coordinare e monitorare lo sviluppo del progetto, facilitando la cooperazione all’interno e tra i vari WP, garantendo una gestione dinamica ed efficiente del progetto. WP2_Trote geneticamente resistenti alla lattococcosi: lo scopo di questo WP è quello di ottenere linee di trota geneticamente resistenti alla lattococcosi. Questo obiettivo sarà raggiunto attraverso: la valutazione del livello di resistenza della mutazione 140T del gene MHCIIB, testando differenti linee genetiche di trota con diversi ceppi di L. garviae; l’implementazione dei dati esistenti sulla resistenza genetica della trota iridea alla lattococcosi, utilizzando sia un approccio gene-candidato per il gene MHCIIB sia un approccio genome-wide (GWAS), su diverse linee di trote, appartenenti a focolai naturali selezionati in ciascuno Stato partner; la valutazione dell'evoluzione del patogeno nel tempo, in termini di caratteristiche molecolari, patogenicità e resistenza antimicrobica. 
WP3_ Sviluppo di un vaccino a proteine ricombinanti: l’obiettivo è di sviluppare un vaccino a proteine ricombinanti da somministrare per immersione. L’obiettivo sarà raggiunto attraverso l’identificazione delle proteine immunogene, la produzione di un vaccino utilizzando la tecnologia del DNA ricombinante e la sua somministrazione per immersione in un trial sperimentale per valutarne l’efficacia. Il WP3 è strettamente correlato temporalmente al WP2: i sieri da utilizzare per la rilevazione delle proteine immunogeniche dovranno essere raccolti in seguito all'evoluzione dei focolai; inoltre, i risultati relativi alla caratterizzazione del patogeno saranno necessari per la scelta del ceppo da utilizzare nel trial sperimentale per la valutazione dell'efficacia del vaccino. 
WP4_ Miglioramento delle prestazioni riproduttive: l’obiettivo principale è il miglioramento delle performance riproduttive valutando e sfruttando il fenomeno della Cryptic Female Choice (CFC) che in alcune specie ittiche si ipotizza sia associato al gene MHCIIB appartenente al Sistema maggiore di istocompatibilità. Pur essendo il WP4 indipendente dagli altri WP esso è, come il WP2, focalizzato sullo studio del gene MHC di classe II, anche se per scopi differenti. 
WP5_ Disseminazione, valorizzazione e comunicazione: l'obiettivo principale delle attività di divulgazione è di dare massima visibilità al progetto SUPERTROUT nell’ambito di gruppi portatori di interesse, a livello sia europeo che extraeuropeo, al fine di massimizzare le ricadute previste. Il piano di valorizzazione è finalizzato a incrementare l’effetto delle linee genetiche resistenti e del vaccino a proteine ricombinanti, nel controllo controllo delle malattie infettive, nei piccoli impianti di acquacoltura e a prepararne la transizione verso il mercato. La strategia adottata per la comunicazione ha una duplice finalità: da un lato informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sulle finalità e i risultati del progetto, dall’altro è volta a costruire e mantenere relazioni fruttuose con tutti i portatori di interesse, con particolare riguardo ai possibili utilizzatori dei prodotti ottenuti.

Partners

Contacts

Newsletter

 

Administrator

Acutis Pier Luigi: pierluigi.acutis@izsto.it
Colussi Silvia: silvia.colussi@izsto.it
Teppa Giovanni: giovanni.teppa@izsto.it
Pastorino Paolo: paolo.pastorino@izsto.it

Social Network

 

Contatti

Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, Via Bologna 148, 10154 Torino 

C.F. / P.IVA:05160100011

Codice univoco IPA UF6CXU

PEC: izsto@legalmail.it

Amministrazione trasparente

I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006

Seguici su

facebook